Copyright - 1999 - 2000 - © Fioravante BOSCO - Tutti i diritti riservati - Visualizzazione consigliata 800x600

Generale Enrico Cialdini

Generale Trivulzio Pallavicino

Generale Ferdinando Pinelli

 

 

 

Il Generale SOLAROLI aiutante di campo di Vittorio Emanuele II definiva i contadini "la più grande canaglia dell'ultimo ceto". I contadini dovevano essere tutti fucilati, senza far sapere niente alle autorità. Imprigionarli non era conveniente perché, una volta in galera, lo Stato doveva provvedere al loro sostentamento.

Il Generale ENRICO CIALDINI dopo aver massacrato Gaeta telegrafò al governatore del Molise: "Faccia pubblicare un bando che fucilo tutti i paesani che piglio armati e do quartiere solo alla truppa. Oggi ho già cominciato".

Il Generale FANTI emanò un bando che sanciva la competenza dei tribunali militari straordinari per i colpevoli di brigantaggio, saccheggio, incendi e uccisioni.

Il Generale DELLA ROCCA impartì l'ordine che: ". non si perdesse tempo a far prigionieri, dato che i governatori avevano fatto imprigionare troppi contadini". In una settimana nel Teramano furono fucilati 526 contadini e a Scurcula altrettanti, e così a Isernia e Rionero Sannitico e in mille altri paesi del Sud. Lo stesso Generale così scriveva in un suo memoriale: "erano tanti i ribelli, che numerose furono le fucilazioni; da Torino mi scrissero di moderare queste esecuzioni, riducendole ai soli capi, ma, i miei comandanti di distaccamento che avevano riconosciuto la necessità dei primi provvedimenti, in certe regioni dove non era possibile governare, se non incutendo terrore, vedendosi arrivare l'ordine di fucilare solo i capi telegrafavano con questa formula "arrestati, armi in mano, nel luogo tale, tre, quattro, cinque capi briganti" ed io rispondevo: "FUCILATE". Poco dopo il Fanti, a cui il numero dei capi sembrava esagerato mi invitò a sospendere le fucilazioni e a trattenere prigionieri tutti gli arrestati. Le prigioni e le caserme rigurgitavano".

Il Colonnello PIETRO FUMEL si vantava di aver fatto fucilare "trecento briganti e non briganti" e sottoponeva a torture e sevizie inaudite i prigionieri.

Il Capitano CREMA comandante di una colonna mobile del 45 fanteria nel Molise emanò il seguente bando: " IN NOME DI VITTORIO EMANUELE RE ELETTO DALLA NAZIONE - il sottoscritto. Comandante la colonna mobile, incaricata dal superiore governo di ripristinare l'ordine in questo mandamento, avvisa indistintamente tutti gli abitanti di Casalciprano e dei suoi contorni che, da oggi fino a nuove disposizioni, saranno posti in esecuzione i seguenti rigori di legge eccezionale: 1) Chiunque tratterà o alloggerà briganti sarà fucilato. 2) Chiunque darà segno di tollerare o favorire il più piccolo tentativo di reazione sarà fucilato. 3) Chiunque sarà incontrato per le vie interne o per le campagne con provvigioni alimentari superiori ai propi bisogni, o con munizioni da fuoco per ingiustificato uso, sarà fucilato. 4) Chiunque, avendo notizie dei movimenti delle bande non sarà sollecitato di avvisare il sottoscritto, verrà considerato manutengolo o come tale fucilato". Il Crema fu richiamato a Campobasso in quanto i comandi superiori vennero a conoscenza che era suo costume saccheggiare chiese ed esattorie comunali, fattorie e monti frumentari e non sempre per sostenere la propria truppa.

Il Generale FERDINANDO PINELLI (Roma 29 dicembre 1810 - Bologna 5 marzo 1865) fu decorato con medaglia d'oro con regio decreto del 9 febbraio 1862 con la motivazione "Per i soddisfacenti risultati ottenuti col suo coraggio e per l'instancabile sua operosità nella persecuzione del brigantaggio nelle provincie napoletane nel 1861". Il Generale estese la pena di morte a chi avesse " con parole o con danaro o con altri mezzi eccitato i villici ad insorgere, nonché a coloro che con parole od atti insultassero lo stemma dei Savoia, il ritratto del re o la bandiera nazione".

 

da: "I SAVOIA E IL MASSACRO DEL SUD" di Antonio Ciano, Edizione GRANDMELO', Roma, 1996 -

 

HOME PRINCIPALE