Copyright - 1999 - 2001 - © Fioravante BOSCO - Tutti i diritti riservati - Visualizzazione consigliata 800x600

Gabriele Palladino

Il brigante - patriota

Pontelandolfo 1861

per prenotazioni clicca sulla gif

PRESENTAZIONE

INTRODUZIONE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PRESENTAZIONE

di: Marina Salvadore

Di recente a Gaeta, sacrario sudista, una lapide eretta dall段mbecillità e dal lecchinaggio libaralmassone con ampollosità e falsa pietas cristiana accomuna nei valori civili, militari e religiosi i nostri trucidatori ed i nostri generosi eroi. Non riporta - quella lapide - i numeri della nostra ecatombe né si pregia di ricordare al viandante autoctono e straniero che quella data relativa alla capitolazione della fortezza del Sud segna l段nizio della decennale Guerra Partigiana del Sud e l段nizio della Diaspora Meridionale, non ancora cessata.

Come molluschi attaccati allo scoglio di Gaeta, soldati e memorie, partigiani ed eroi, "briganti" e sacrificio umano, bandiera e Regno, sono di nuovo esposti al pubblico ludibrio della Menzogna, dell段rrispettoso lazzo, quale ultimo monito nazionale a ben volersi guardare dall誕pprofondire "virtude e conoscenza" della Nostra Storia, ora che squadra e compasso hanno misurato e circoscritto il villaggio globale, e dopo che un tal Lombroso ebbe a "circoscrivere" i cranii meridionali....

Quella lapide non cadrà sotto i colpi di altri cannoni rigati o di granate; sarà bruciata e consunta, lesionata e polverizzata dal sole della Verità e dal Salmastro di miliardi di lacrime di rabbia e dall段mpetuosità di un mare incazzato che fu unico testimone di sopraffazione. Ogni uomo giusto e coraggioso, perfetto erede della valorosa schiatta popolana dei "briganti meridionali", lancerà Sale di conoscenza e Sole di verità su quel monumento eretto alla Menzogna. Sinceri uomini del Sud non venduti al regime - come Gabriele Palladino - continueranno a mettere insieme brandelli di memoria e ricostruiranno con essa Gaeta, Civitella, Messina...Pontelandolfo, Casalduni...Bronte. Tutto l誕ntico e fiero Regno chè ancora custodito negli occhi di Dio e nel sangue dei meridionali.

Allora, a quei troppi morti che non ebbero la pace di una sepoltura, il ricordo grato dei posteri, il riconoscimento del proprio eroismo, verrà infine resa Giustizia. E Onore.

Si compirà così il lungo ciclo di un誕ltra esistenza ed il sipario di una nuova era dell置manità si aprirà sul proscenio della ritrovata nostra Identità; potremo, finalmente, guardare negli occhi senza vergogna i nostri "briganti", i nostri "emigranti". I nostri eroi puri. E, forse, i loro nomi e le loro gesta diventeranno familiari alle future generazioni del Sud; magari perché finalmente inseriti nei libri di scuola di tutte le scuole meridionali.

Il compito di Gabriele Palladino e di altri che come lui ricercano la verità storica di una Storia da sempre proibita, è arduo e denso di ostacoli : ancora oggi, trattare di questi argomenti tabù significa essere estromessi dalle vicende del mondo contemporaneo e invisi al potere vigente ma significa anche rendersi LIBERI e FIERI. Significa essere UOMINI. Ritornare ad essere UOMINI!

INDIETRO

HOME PRINCIPALE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INTRODUZIONE

 

di: Gabriele Palladino

La storia legata ai fatti del Risorgimento Italiano più volte si è macchiata di crimini esecrandi, occultati dalle autorità del tempo, commessi nell誕mbito di una sorta di persecuzione razziale, che ha visto soccombere anche diversi innocenti pontelandolfesi.

L誕vventura patriottica di Donato Palladino detto "Anguilla", nato a Pontelandolfo nel 1840, giovane sano, onesto lavoratore, appartenente ad un mondo contadino povero, oppresso, tormentato, appare emblematica nel più ampio contesto delle luttuose vicende accadute negli anni dell旦nità d棚talia.

Colpevole della sua forza innata, delle sue poliedriche capacità, dei suoi sani principi. Colpevole di aver creduto in una vita migliore per la sua famiglia e per tutta la ruralità pontelandolfese. Colpevole di aver amato e di essere stato amato. Colpevole di aver avuto paura, una sola volta nella sua vita, pagò con il tradimento e con atroce morte il suo ideale di libertà.

Il brigante patriota, prigioniero vittima dei suoi sogni, uomo vero in un mondo che annaspa, vive intensamente la sua breve esistenza, strappato prematuramente agli affetti familiari da quei fatti che hanno poi sconvolto e cambiato, inequivocabilmente, il destino delle popolazioni del Sud Italia dall旦nità ad oggi.

A nulla è valso il coraggio delle genti meridionali, vittime sacrificali del tradimento insinuante, che con il sangue abbatte il vecchio sistema e alimenta la nascita del nuovo Governo a cui è ammesso aggrapparsi ai soli signorotti.

Il contadino paga duramente la formazione del nuovo stato socio politico proiettato in favore dello sviluppo economico delle regioni del Nord Italia.

Dapprima il tormento e la tortura. Poi l置miliazione e la triste fuga verso terre lontane in cerca di fortuna.

Donato Palladino, tormentato, torturato ed umiliato, imbrigliato nella rete degli eventi, non ha avuto nemmeno la possibilità della triste fuga.

Ma forse lui non sarebbe mai partito per le Americhe lontane. Il suo spirito libero e ribelle avrebbe continuato a volare, fino alla fine dei suoi giorni, tra i campi, i sentieri, i boschi di quella terra che lo aveva generato e nelle cui profondità aveva affondato le sue forti radici. Per l弾ternità Pontelandolfo resterà scolpita nella sua anima.

Ho ripercorso, attraverso la memoria storica della mia famiglia, le gesta avvincenti di un figlio del mio trisavolo Domenico Palladino della località "Paparulo", nella contrada Santa Caterina di Pontelandolfo, con passione travolgente, nella speranza di avergli restituito, a circa 140 anni dalla sua morte, onore e giustizia, che avrebbe sicuramente meritato in vita.

INDIETRO

HOME PRINCIPALE