MIME-Version: 1.0 Content-Location: file:///C:/811C8272/2013_06_22.htm Content-Transfer-Encoding: quoted-printable Content-Type: text/html; charset="us-ascii" APPELLO AI

&nbs= p;

APPELLO AI

TIRAGLIATORI SCELTI

 


 

Il 1799, i Borbone, il Sud e il quotidiano IL MATTINO

Fai sentire la tua voce!

 

Su IL MATTINO del 14 giugno, viene pubblicata una recensione a tutta pagina di un libro su alcune stragi (R= 20;dimenticate”) di alcuni paesini del Molise durante la rivoluzione napoletana del 1799: “QUEGLI ECCIDI ORDINATI DAI BORBONE” il titolo, come se i Borbone fos= sero stati degli spietati mandanti e non dei Re legittimi che cercavano di rient= rare sul loro legittimo trono dopo l’invasione francese; come se Ruffo fos= se stato l’esecutore con il “compito della repressione”= ;  (e non l’artefice di quella = eroica riconquista), “macchiandosi di efferati delitti, con mercenari albanesi, contadini del luogo e avanzi di g= alera” (mentre si trattava di intere popolazioni sollevatesi per fedeltà al= la Religione e alla Dinastia);  c= ome se in quei 5 mesi di repubblica oltre sessantamila napoletani di parte cristiana-borbonica-sanfedista non fossero mai stati massacrati; come se ce= ntinaia di paesi non fossero stati saccheggiati e devastati dai franco-giacobini.

 

In questi giorni ci sono state centinaia le lettere di protesta e le richieste= di un vero e pubblico dibattito, ma nessun riscontro da parte de IL MATTINO.

 

Su IL MATTINO del 19 giugno, un’altra recensione firmata da Luigi Mascilli Migliorini per un libro= sui viaggiatori inglesi ottocenteschi nel Regno delle Due Sicilie (“NEL SUD BORBONICO E ARRETRATO”) come se non si conoscessero ormai= i documentatissimi interessi inglesi ai danni del Regno (cfr. su tutti l’ultimo testo del prof. Eugenio Di Rienzo de La Sapienza), come se n= el resto dell’Italia e del mondo e in quella “Inghilterra civilizzatrice” (!), la patria dello sfruttamento e delle colonizzazi= oni più selvagge, le condizioni fossero state migliori (basterebbe guard= are solo le illustrazioni di Doré sui bambini-operai o chiedere qualche informazione alle popolazioni indiane o irlandesi…).

Anche questa volta, altre lettere = di protesta al Mattino, numerosi gruppi su facebook (Io non compro Il Mattino) ma da Il Mattino, nessun riscontro.

 

IL MATTINO continua a offendere la memoria storica di Napoli, del Sud, dei Bor= bone e del nostro Popolo.

IL Mattino continua a divulgare una storia borbonica parziale e unilaterale senza rispettare e dare un minimo di spazio, in un naturale e utile dibattito, ad una storiografia sempre pi&ugr= ave; documentata, diffusa e finalmente alternativa rispetto a quella ufficiale s= ugli stessi importanti e attuali temi.

 

La “battaglia delle idee” spesso è più importante di tante battaglie politiche o eletto= rali e si combatte (come da decenni capita anche negli USA) anche:

1) scegliendo bene il quotidiano da acquistare se non ci sentiamo rappresentati dal quotidiano che eravamo abit= uati ad acquistare;

2) scegliendo (o evitando di scegliere) i prodotti su di esso pubblicizzati (presto pubblicheremo l’elenco);

3) evitando di aderire alle sue proposte: è di questi giorni un’iniziativa editoriale relativa ad una consistente e costosa “Storia del Mezzogiorno” a cura di Giuseppe Galasso pubblicizza= ta con l’immagine di Garibaldi conquistatore delle Due Sicilie;

4) INVIANDO LETTERE DI PROTESTA BORBONICHE (E CIOE’ ELEGANTI, MAGARI IRONICHE, APPASSIONATE E DOCUMENTATE) AGLI INDIRIZZI ALLEGATI.

 

lettere@ilmattino.it

ditelo@ilmattino.it 

letterealmattino@ilmattino.it 

 

DICIAMO BASTA ALLE MENZOGNE CHE DA 152 ANNI OFFENDONO LA NOSTRA STORIA E LA NOSTRA DIGNIT&Agra= ve;.

ISOLIAMO ED ADDITIAMO GLI = ULTIMI DIFENSORI DI UN’INFORMAZIONE ABERRANTE, NEMICA DELLA NOSTRA IDENTITÀ E DELLA NOSTRA LIBERTÀ DI PENSIERO.

 

Inviamo e facciamo inviare migliaia e-mail di protesta

a&nb= sp; IL MATTINO