MIME-Version: 1.0 Content-Location: file:///C:/41298278/2012_10_28.htm Content-Transfer-Encoding: quoted-printable Content-Type: text/html; charset="us-ascii"

 

 

 

L’OPINIO= NE

 


 

IL CARRETTO SICILIANO

di

Beppe Grillo

 

Sono arrivato in piazza Stazione ad Agrigento a bordo di un carretto siciliano del maestro carradore La Scala, trainato da = un cavallo.

I masciddàri del carretto raccontano sce= ne di una Sicilia che forse si è dimenticata. Ieri sera invece sfilavano tra la folla di piazza Stazione a raccontare una Agrigento che sta rinascen= do.

Ieri sera ad Agrigento è stata una serata indimenticabile. In migliaia sono usciti di casa per partecipare al cambiam= ento che sta percorrendo la Sicilia. Cittadini incensurati si prestano per essere portavoce di ognuno all'interno delle istituzioni. Rinunciano ai privilegi,= ai rimborsi elettorali, parlano di futuro e di sviluppo. Da quanto tempo non si respirava un'aria così in queste terre incantevoli e bistrattate da decenni di malapolitica? Pirandello è nato in queste strade e i part= iti hanno progettato un rigassificatore davanti a Porto Empedocle, proprio di fronte alla casa del premio Nobel. Qui però è nato anche Ange= lino Alfano. Un fantasma, un fantasma fuori dalla storia.

Ad Agrigento anche l'acqua viene razionata e concessa col contagocce.

Questa politica, che non si è mai occupa= ta dei cittadini deve finire. Quando sono stato a Palermo per le amministrativ= e ad aprile c'era molta gente, ma poi hanno rieletto uno che era stato già= ; sindaco per diversi anni. Ora però sono sicuro che il cambiamento ci sarà, perché gli sguardi dei siciliani sono diversi.