MIME-Version: 1.0 Content-Location: file:///C:/011C8278/2011_06_28.htm Content-Transfer-Encoding: quoted-printable Content-Type: text/html; charset="us-ascii"

LA  STORIA   IN  VERSI=

 

Spesso riceviamo componimenti in versi di nostri amici e compatrioti.

Non essendo noi della Redazione all’altezza di valutare tali lavori, ci siamo limitati a pubblicare le poesie ritenute più vicine agli argomenti trattati nel= le nostre rubriche.

Ciò premesso, chiediamo perdono per i componimenti non pubblicati.

 

Cap. Alessandro Romano

 

 


 

Caro Alessandro,

tempo fa sono stato invitato a partecipare ad un concorso di poesia da parte di un'associazione di volonta= riato legata all'ospedale Sandro Pertini di Roma, l'associazione è l'ASVEP= di Roma.
Il tema era il 150° dell'unità !!!!! Mi è sembrato un inv= ito a nozze, logicamente ho scritto un pezzo molto provocatorio con la speranza= di promuovere il mio e nostro pensiero. Con mia somma sorpresa mi sono classificato terzo su una ventina di partecipanti, ma la cosa che mi ha fat= to più piacere è che la poesia è stata letta, durante la serata delle premiazioni, davanti ad una platea di alcune centinaia di pers= one (santa divulgazione!) Non solo ma è stata pubblicata su un libricino= con tutte le poesie più meritevoli. Mi ha detto un amico, che era presen= te in sala, che i commenti sono stati abbastanza concordi con il tema trattato= . Ti allego il pezzo con la speranza che tu possa pubblicarlo in rete, sempre ch= e tu lo ritieni adeguato.

Ti abbraccio,

Carmine. 

 =

Sull’Unità d’Italia.

 <= /p>

Grande= festa ricorre quest’anno

del centocinquantesimo dell’unità d’Italia=

ma gli italiani ignorano e non sanno

delle = giovani vite dimenticate dalla storia.

 <= /p>

I combattenti dell’esercito Borbonico

morti a migliaia senza colpa alcuna

il mio pensiero è mesto e malinconico

perch&= eacute; loro non li commemora nessuno.

 <= /p>

Il Pie= monte invase il Sud d’Italia

senza dichiarar guerra al re Borbone

Vittor= io Emanuel fè da predone

e fece guerra senza lode e senza gloria.

 <= /p>

L̵= 7; unità d’Italia andava fatta

ma gli ideali di Mameli e di Mazzini

eran repubblicani e giacobini

e mai = e poi mai avrebber sottoscritto

di pas= sar da monarchia a monarchia.

 <= /p>

Il Nord spogliò il Sud delle ricchezze

dell&#= 8217;industrie dell’economia e dei valor,

il pop= olo insorse e con fermezza

combat= tè dieci anni l’invasor.

 <= /p>

Voglia= mo festeggiar l’Italia unita?

Certam= ente, quando sarà eseguita,

quando= al Sud sarà realizzata

la ste= ssa infrastruttur che il Nord dispone

quando= si invocherà perdon per il patito,

allora= si, sarà l’Italia unita.<= /o:p>

      &n= bsp;                                                         Carmine Pagano

 


 

Negli anni 70 scrissi la poesia che segue pubblicata poi nel mio libr= o di versi N'ATU DIMANE pubblicato dalle Edizioni del Delfino -Napoli nel Giugno 1982.=

Purtroppo a distanza di oltre 30 anni questi versi sono talmente attu= ali che sembrano essere scritti oggi.

Li propongo:=

 

   =             &nb= sp;            =             &nb= sp;            N'ATU DIMANE 

 

Tu staje durmenno 'a troppo tiempo ormaje

'mbracci''e canzone, 'o sole, 'a luna, 'o mare,

mentre tenimmo na muntagna 'e guaje

assapuranno 'e lacreme cchiù amare.

 

No, nun se pò campà na sceneggiata

c''o popolo ca è sempe 'o primmo attore

cu' na ferita antica maje sanata

e tante e quante spine dint''o core.

 

Giesù Cristo nascette 'ncopp''a terra

fui mise 'ncroce ma resuscitaie

ma 'sta città sta sempe miez''a guerra

senza truvà nu poco 'e pace, maie.

 

'Ncopp''e disgrazie stanno speculanno

arricamanno ciente e cchiù buscie

stammo dint''a 'mmunnezza ma nun sanno

'o sudore che scorre miez''a via.

 

'O sanghe ca se jette pe' dà 'o ppane

a tanta vocche a stommaco vacante

campanno cu''a speranza 'e nu "Dimane..."

suffrenno 'int''o silenzio comm''e Sante.

 

Basta però chisto è mumento, è ll'ora

tu stai durmenno 'a troppo tiempo e 'o ssaje

è overo ca vulisse durmì ancora

ma è fore tiempo 'o suonno ca te faje.

 

Chitarre, manduline, serenate

so' sulamente na scenografia

sulo ricorde 'e juorne già passate,

Napule, nun se campa 'e fantasia.

 

Levate 'a cuollo 'e panne d''a riggina

e miettete cu''a capa e c''o penziero

a straccià tutte quante 'e ccartuline

ca nun so' cchiù 'o ritratto tuio sincero.

 

E arapele chist'uocchie finalmente

facimmele sta zitto chistu munno

e faticammo dignitosamente=

pecchè è fernuta l'epoca d''e suonne.

 

           &nb= sp;            =             &nb= sp;            =        LUCIANO SOMMA<= /p>

 

 


 

Da “La Nazione” dell’otto luglio 2009.=

 

CORI ANTI NAPOLETANI A PONTIDA

 

Senti che puzza, scappano anche i= cani.

Sono arrivati i napoletani…= .

Son colerori e terremotati=

Con il sapone non sono mai lavati= .

 

        =             &nb= sp;       RISPOSTA UGUALMENTE RIMATA<= /o:p>

 

Senti rumori di zoccoloni =

Sono arrivati i polentoni,=

alti si ma di statura magra

sono ammalati di pellagra.=

Pinzati sul viso da zanzare a mil= ioni

E vengono a romperci sempre i cog= lioni.

Napoletani con allegria

Lavorano e cantano con armonia.

Il rifiuto a Pontida della monnez= za

e a Napoli torna pulizia e bellez= za.

Napoli prospera e con tanti Torne= si,

fu derubata dai garibaldesi.

Col federalismo i nuovi borghesi,=

faranno largo ai compagni cinesi.=

Il tempo perduto guadagnerà= ;

e Napoli bella e ricca riapparirà.

        =  

      &n= bsp;                                                         Gino Gentile

 <= /p>


 

I primi timidi passi

 <= /p>

Vivevo come  uno straniero nella mia terra,

senza sapere chi ero, da dove ven= ivo.

Qualcuno diceva che appartenevo

a un popolo pigro e indolente,

servile con i forti e arrogante v= erso i deboli.

Un altro diceva che era colpa del= clima

e del fatto che non c’erano=   stati i Comuni.

 Tante volte ho imprecato contro i

palazzi incompiuti,

contro la gente che chiedeva il f= avore

e barattava il suo voto per una f= alsa promessa.

Tante volte ho disprezzato me ste= sso e la mia famiglia

e dicevo, non cambierai mai Calab= ria.

Poi  per caso ho scoperto la verit&agra= ve;,

che appartenevo a una nobile e an= tica stirpe,

 che qualcuno aveva cancellato il mio passato

e lo aveva sostituito con delle menzogne.

Ho saputo che dal nord era venuto= un invasore malvagio

che aveva massacrato molta gente,= che mi aveva derubato

e mi aveva tolto il lavoro e la dignità.

Poi mi aveva accusato dicendo

che ero io che rubavo, che se sta= vo male era colpa mia,

che lui faceva tanto per me ma ad= esso si era stancato

e io lo avevo creduto.

 

Ora so che questo non è vero,

adesso le parole di Francesco II a Gaeta

 sono scolpite nella mia mente

e i briganti sono diventati  i miei eroi.

Adesso so che non è stato = sempre così,

 con la spazzatura nelle strade, con= le carceri affollate,

con la gente rassegnata e umiliat= a

 e penso che domani potrà cam= biare.

Finalmente so chi sono e da dove = vengo

e muovo i primi timidi passi, com= e un bambino,

per ricominciare.

   &n= bsp;            = ;            &n= bsp;          

      &n= bsp;                                             Giuseppe Gangemi

 


 

INNO ALLA GIUSTA UNITA’ D’ITALIA

 

Noi siamo da secoli calpesti e de= risi

Siam piemontesi forzuti e decisi<= /span>

All’Italica terra la guerra facciamo

E  a tutti i terroni noi vinceremo.=

La bella Sicilia, la dolce Calabr= Ia

La Magna Graecia conquisteremo

E tutti a Torino noi porteremo.

La bella Napoli che più non canta,

La bella voce che più non = vanta.

La grande Roma che più non= doma

Ora è Torino che a tutti d= oma

Viva l’Italia libera e bell= a

Unita vera fulgente stella.

        =             &nb= sp;            =             &nb= sp;            =   Gino Gentile

 

 


 

 =